giovedì 1 novembre 2012

[L'EDITORIALE] "SKYFALL", ovvero "La caduta di SKY TV ITALIA"




Non poteva esserci miglior titolo se non quello del nuovo attesissimo episodio della saga di 007 "Skyfall" nella sua traduzione letterale, per descrivere al meglio la condizione di quella che una volta era la piattaforma televisiva che offriva in Italia una programmazione calcistica invidiata da tutta Europa.




Siamo onesti. Noi tutti appassionati di calcio internazionale dobbiamo ringraziare SKY ITALIA, perchè negli ultimi anni ci ha consentito di seguire i più grandi campionati europei, offrendo un prodotto unico in Italia e (almeno a quanto mi consta) in Europa. Ed è forse proprio per questo che serpeggia il malumore tra gli abbonati storici della nota piattaforma satellitare.
Tralasciando il commento sulla scelta commerciale di non acquistare i diritti per la trasmissione delle gare di Liga e Bundesliga (su cui pure ci sarebbe molto da dire, ma che tuttavia non è materia di questo blog), il ridimensionamento dell'offerta riguardante il calcio inglese è palese. Già all'inizio della stagione avevamo evidenziato più volte come la decisione di trasmettere in differita uno (ma più delle volte, due) gare delle ore 16 aveva ridotto considerevolmente la possibilità dell'abbonato di scegliere quale match seguire (senza dare alcuna spiegazione all'ignaro abbonato, sulle ragioni che hanno portato a tale scelta - ma che comunque non hanno portato ad un ribasso del canone di abbonamento), costringendolo il più delle volte a limitarsi ai brevissimi highlights di EuroCalcioShow (trasmissione che pur dovendo trattare un solo campionato - quello inglese, appunto - non si dilunga più di tanto negli approfondimenti come dovrebbe e potrebbe) o agli improponibili orari delle differite (che però non hanno lo stesso appeal della trasmissione live).

Senza dubbio però la decisione di rinunciare anche alla FA Cup e alla League Cup (o Capital One Cup se preferite) è imperdonabile. Non trasmettere le gare della competizione calcistica più antica al mondo, ricca di storia e fascino, competizione che è l'essenza stessa del calcio inglese, è assolutamente imperdonabile. Stesso discorso per la League Cup: il calcio inglese non è solo nello spettacolo della Premier League. D'altronde quanto accaduto negli ottavi di finale di Capital One Cup tra Reading e Arsenal (5-7) e Chelsea-Manchester United (5-4) altro non è se non la prova di quanto sosteniamo in questo editoriale.

Resta la speranza che SKY ritorni sui suoi passi, riconsiderando le proprie strategie commerciali - anche a fronte della grande quantità di tifosi italiani di squadre inglesi in continuo aumento (abbonati potenziali che con un ampliamento dell'offerta non esiterebbero ad aderirvi). Sarebbe questo l'unico modo per evitare una caduta del gigante italiano dello sport in TV, che il titolo del nuovo episodio della saga di 007 sembra preannunciare.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->