Aston Villa: Naseef Sawiris non si trova d’accordo con le regole sulla sostenibilità in Premier League

Le regole della sostenibilità riguardo i limiti di spesa in Premier League non soddisfano Nassef Sawiris, proprietario dell'Aston Villa, che sta cercando di allestire una rosa all'altezza della Champions League senza violare le nuove regole finanziarie

Embed from Getty Images

Nassef Sawiris, proprietario dellAston Villa ha affermato al Financial Times, che le restrizioni finanziarie sono prive di senso e che le norme che stabiliscono che un club non può perdere più di 105 milioni di sterline in un periodo di tre anni stanno avendo un impatto dannoso sia a livello di mercato che a livello tecnico in Premier League.

Aston Villa: le prime crepe contro un sistema più sostenibile

Nassef Sawiris ha ammesso: “Gestire una società sportiva è diventato più simile a fare il tesoriere o il contabile piuttosto che guardare a ciò di cui ha bisogno la tua squadra. Si tratta più di creare profitti su carta, non profitti reali. Diventa un gioco finanziario, non un gioco sportivo. Queste restrizioni si rivelano opache e apparentemente arbitrarie. Alcune delle regole hanno effettivamente consolidato lo status quo più che creare mobilità ascendente e fluidità nello sport. Le regole non hanno senso e non sono buone per il calcio“.

L’Aston Villa aveva proposto una mozione alla riunione del consiglio della Premier League la scorsa settimana per aumentare la soglia per le perdite consentite a 135 milioni di sterline, ma solo un altro club ha sostenuto la proposta. La Premier League per far fronte a queste prime lamentele ha creato nuovi sistemi di limiti di spesa. Giovedì scorso è stato annunciato infatti che sperimenterà due nuovi sistemi di limiti di spesa, come già preannunciato la settimana scorsa(vedi qui), a partire dalla prossima stagione.

Il primo sistema, noto come “Regole sui costi della squadra”, limiterà i club della massima serie inglese a spendere non più dell’85% delle entrate calcistiche e degli utili o perdite netti derivanti dalla vendita dei giocatori sulle spese dei giocatori. Il secondo sistema, chiamato “Top to Bottom Anchoring”, limiterà la spesa a un multiplo del premio in denaro e delle entrate dei diritti TV più bassi previsti che qualsiasi squadra dovrebbe guadagnare.

Articoli Correlati

5 2 Voti
Vota questo articolo!
Iscriviti!
Avvisami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi, commenta!x
Privacy Policy Cookie Policy
UKCALCIO

GRATIS
VISUALIZZA