lunedì 5 marzo 2012

[SCOTTISH PREMIER LEAGUE] I Rangers Glasgow verso l'esclusione dalle competizioni europee. Atteso il "piano salva Rangers".


Torniamo a parlare della difficile situazione societaria dei Rangers Glasgow che rischiano seriamente di essere estromessi dalle competizioni europee della prossima stagione. E' atteso per le prossime ore il "piano-salva Rangers".



Il tempo stringe per i Rangers. Ciò che maggiormente preoccupa ad Ibrox non è solo il presente quanto il futuro. Un futuro che appare più nero che mai.
Gli amministratori hanno ammesso che molto difficilmente i Rangers riusciranno ad evitare l'esclusione dalle prossime competizioni europee: la scadenza è fissata per il 31 marzo. Entro quella data, infatti, l'UEFA stabilirà se la storica società di Glasgow avrà rispettato i criteri finanziari che le permetterebbero di partecipare alle competizioni europee della prossima stagione.
L'eventualità di una estromissione appare ad oggi più che una probabilità. I Rangers partecipano alle competizioni europee ininterrottamente dalla stagione 1980-1981. 
La nota positiva è che sembrano esserci degli investitori intenzionati ad immettere capitale, ma l'incertezza è tutta nelle strategie. La maggior parte di essi, infatti, preferirebbe evitare un ulteriore   differimento della copertura debitoria, al fine di ereditare una situazione societaria tale per cui i loro investimenti dovrebbero servire a coprire solo i debiti futuri, non quelli attuali. In questo senso si inserisce la necessità di un taglio del numero dei giocatori in rosa e degli ingaggi.
A breve gli amministratori dovranno presentare il "piano salva Rangers" e pare che la loro intenzione sia in primis proprio quella di tutelare il parco giocatori. La proposta (che dovrà essere depositata nelle prossime ore) prevede un taglio del 75% degli ingaggi di fascia alta, uno del 50% di quelli di fascia media, e un ulteriore taglio del 25% dei restanti ingaggi.
La notizia positiva è che è stato raggiunto un accordo con il Dunfermline per il pagamento di 83000 sterline, pari ai ricavi della vendita dei tagliandi della gara disputata l'11 febbraio.

In casa Rangers si è certi solo dell'incertezza. La nebbia potrebbe diradarsi il 16 marzo ultima data utile per il deposito di un impegno formale degli investitori in vista dell'acquisizione del club, ma ancora non è chiaro quali possano essere le garanzie che Craig Whyte, attuale proprietario, sarà in grado di fornire.
Non semplice la posizione di Ally McCoist, chiamato a tenere unito un gruppo la cui permanenza ad Ibrox appare difficile. L'allenatore ha chiarito che continuerà a trattare tutti i giocatori allo stesso modo, perchè il suo compito resta solo quello di scegliere chi è in grado di fornire la migliore prestazione in campo; le scelte economiche spettano alla società.

Impossibile escludere l'opzione della liquidazione societaria che costituirebbe un duro colpo non solo per il calcio scozzese, ma per la storia del calcio d'Oltremanica.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->