giovedì 17 novembre 2016

[INGHILTERRA] Rooney chiede scusa per il suo comportamento

Un giornalista del Sun fotografa il capitano del Manchester United in stato di ebbrezza ad una festa di matrimonio. Le scuse di Rooney, l'imbarazzo della FA e Klopp lo difende.





Un giornalista del Sun ha immortalato Wayne Rooney in stato di ebbrezza ad una festa di matrimonio, che si era tenuta nell’albergo che ospitava la Nazionale inglese.

Rooney ha voluto scusarsi attraverso un comunicato dell'ufficio stampa della Nazionale inglese:

"Chiedo scusa per le fotografie che sono state divulgate. Nonostante fosse un giorno di riposo concesso dal commissario tecnico, Rooney riconosce che le immagini non sono appropriate per un giocatore che ha un ruolo di responsabilità come il suo. Wayne ha parlato in privato con Southgate e con i dirigenti della Federazione chiedendo scusa per il suo comportamento. Le sue scuse sono estese a tutti i tifosi".

Alla FA il comportamento di alcuni componenti della Nazionale non è piaciuto, in particolare al direttore Martin Glenn che ai microfoni di Sky afferma:

"E' una cosa deludente. E' opportuno che siano arrivate le sue scuse, non è una buona immagine per chi è il capitano della Nazionale. Al contempo però non mi sembra necessario drammatizzare".

Per evitare spiacevoli inconvenienti la Football Association sta pensando di vietare definitivamente gli alcolici durante i ritiri della nazionale e di ridurre ai minimi termini i giorni liberi dei calciatori. Ha rilasciato un comunicato nel quale dichiara:

"I giocatori e tutto lo staff dell'Inghilterra hanno la responsabilità di comportarsi in modo appropriato in ogni momento.Inoltre, stiamo rivedendo la nostra politica di regole per tutto il tempo libero dei giocatori della Nazionale". 

A sorpresa c’è chi però prende le difese di Rooney, ed è il tecnico del Liverpool Jurgen Klopp:

"Sono dei privilegiati, ma sono anche degli uomini . Tutti i campioni che abbiamo amato in passato bevevano come spugne e fumavano come matti, ma rimanevano comunque dei grandi giocatori. Adesso nessuno lo fa più. All’ultimo party natalizio ero io che riempivo i bicchieri dei giocatori. Quindi non darei tanta importanza a quanto accaduto e tra due o tre settimane nessuno se ne ricorderà più".

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->