sabato 26 settembre 2015

[FA CUP] Barry Hayles a 43 anni sogna ancora la FA Cup con il Chesham United.

Che sia il più prestigioso trofeo al mondo non c'è dubbio, così è indubbio come la FA Cup non guardi in faccia all'età dei giocatori che possono continuare a sognare in grande. E' il caso di Barry Hayles che cerca nuova gloria con il Chesham United impegnato contro il Paulton Rovers nel secondo turno di qualificazione.






La FA Cup ha giocato un ruolo molto importante nella carriera di Barry Hayles. Fu proprio questo trofeo, infatti, ad aprirgli la strada al professionismo dopo aver disputato nella stagione 1996-97 con lo Stevenage Borough il terzo turno. Il trasferimento al Bristol Rovers gli aprì improvvisamente le porte della Premier League e con il Fulham giunse a disputare una semifinale di FA Cup (persa contro il Chelsea). A 43 anni, Hayles non ha alcuna intenzione di appendere gli scarpini al chiodo, anzi è più grintoso che mai ed è pronto alla sfida che lo vedrà impegnato con la maglia del Chesham United contro il Paulton Rovers. "La FA Cup è una competizione che ancora oggi suscita in me una profonda emozione. La partita che disputai contro il Birmingham quando indossavo la maglia dello Stevenage mi fece conoscere al grande pubblico: anche se uscimmo sconfitti, molti furono gli aspetti positivi di quella gara e senza dubbio quella partita ebbe un ruolo fondamentale per la mia carriera. La semifinale con il Fulham, poi, fu il punto più alto ed a ripensarci provo ancora oggi le stesse emozioni. La FA Cup è una competizione grandiosa e per questo dico sempre ai giovani del Chesham che per loro rappresenta una vetrina unica. Il miglior giocatore può farsi notare e saltare agli occhi delle grandi squadre. La trasferta di oggi sarà molto complicata, ma speriamo di replicare lo stesso risultato della gara di campionato (Chesham United e Paulton Rovers militano entrambe nella Southern Football League Premier Division - 7° livello - e si sono già affrontate in campionato il 15 agosto scorso. La gara si è conclusa 2-1 per il Chesham, ndr). Loro sono tosti: dobbiamo cercare di segnare subito e difendere il risultato. Il mio futuro? Senza dubbio fare l'allenatore è nei miei piani, ma ogni anno dico a me stesso: 'questo è l'ultimo!', però poi non posso fare a meno di ricominciare, perchè entrare in campo e giocare continua a darmi grandi emozioni"

Via | TheFa.com

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->