domenica 27 maggio 2018

[CHAMPIONSHIP 2017/2018] Playoff: la finale

UN GOL SIGLATO DA TOM CAIRNEY MANDA IL FULHAM IN PARADISO: I COTTAGERS TORNANO IN PREMIER LEAGUE, DOPO QUATTRO ANNI DI ATTESA.


Il Fulham farà compagnia a Wolves e Bluebirds in Premier League (foto: talksport.com)

Nel tardo pomeriggio di ieri, a Wembley, è andata in scena la finale playoff più attesa: quella di Championship, tra Fulham ed Aston Villa.



I precedenti in campionato

Ad ottobre, i Villans hanno avuto la meglio sul Fulham (2-1), mentre il match disputato a Londra nel mese di febbraio si è concluso con la vittoria dei Cottagers (2-0).



La partita 

Nel primo tempo, il Fulham fa la partita, cercando di aprire varchi nella difesa avversaria attraverso un prolungato possesso palla, e la prima vera occasione capita ad Aboubakar Kamara, il cui pallonetto termina poco sopra la traversa. Al 23°, i Cottagers sbloccano il risultato: Ryan Sessegnon serve Tom Cairney con un passaggio filtrante, ed il diagonale del N°10 non lascia scampo a Sam Johnstone
Pochi minuti dopo, il portiere si fa trovare pronto su un colpo di testa di Sessegnon; i Villans poi protestano per un mancato cartellino nei confronti di Ryan Fredericks, reo di aver colpito Jack Grealish dopo che i due si erano azzuffati. Proprio Grealish si procura una ghiotta occasione sul finire del primo tempo, sfruttando un calcio di punizione battuto da Robert Snograss nella sua direzione, ma il centrocampista non trova lo specchio della porta.

Nella ripresa, l'Aston Villa parte forte, creando subito dei pericoli: un cross tagliato di Albert Adomah giunge sulla testa di Grealish, che anticipa l'uscita di Marcus Bettinelli ma non centra il sette; seguono altri cross, da parte di Adomah e Conor Hourihane, ma la difesa del Fulham non si fa sorprendere, ed in seguito i londinesi provano a colpire nello stesso modo: cross in area di Matt Targett per Aleksandar Mitrovic, che svetta su John Terry ma non trova lo specchio della porta.
Grealish mette nuovamente in difficoltà la difesa dei Cottagers, con un'incursione in area e conseguente tiro, ma il pareggio viene evitato dalla coppia McDonald-Bettinelli; poco dopo, però, il talentuoso centrocampista dei Claret&Blue rischia l'espulsione, per una ruvida scivolata che colpisce Cairney anzichè la palla, punita solo con un giallo; il Fulham, risponde con le occasioni di Kevin McDonald  e Stefan Johansen, ma il raddoppio non arriva.
Arriva invece l'inferiorità numerica, per un brutto intervento di Denis Odoi su Grealish, che gli costa il secondo giallo (70°). Nei minuti finali, il Fulham risente dell'uomo in meno, e le giocate di Snodgrass, Hourihane e del subentrato Scott Hogan procurano qualche brivido ai sostenitori dei Cottagers, ma il triplice fischio finale scaccia via le loro ultime paure, lasciando posto ai festeggiamenti.






Il Fulham riscatta così l'eliminazione subìta nei playoff della scorsa stagione per mano del Reading, e riabbraccia la massima serie dopo 4 anni passati in Championship. L'Aston Villa, invece, potrà riprovarci nella prossima stagione, rafforzando una squadra già ben attrezzata per il salto di categoria.


[ fonti: BBC Football ; Sky Sports ; www.avfc.co.uk ; www.fulhamfc.com ]

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->