lunedì 11 dicembre 2017

[LEAGUE ONE 2017/2018] La situazione dopo ventuno giornate

IL GIRO DI BOA DEL CAMPIONATO SI AVVICINA: VEDIAMO QUINDI COME SI E' EVOLUTA LA SITUAZIONE NELLA TERZA SERIE INGLESE, DALLA DECIMA GIORNATA ALLA VENTUNESIMA.


Il Wigan guarda tutti dall'alto (foto: www.wigantoday.net)

Cos'è cambiato in League One, rispetto alle prime nove giornate?  Innazitutto, c'è una nuova capolista: si tratta del Wigan, che guida la classifica con 45 punti: i Latics possono contare sul miglior attacco (38 gol segnati) e sulla miglior difesa (12 reti subite). Segue lo Shrewsbury, che dopo due mesi quasi perfetti, è inciampato in qualche buca (sconfitte ad opera di Peterborough, Bury e Bradford), rimanendo comunque vicinissimo alla vetta (-4), soprattutto grazie alla propria solidità difensiva (seconda miglior difesa, con 14 reti subite).

Si sta affermando con prepotenza il Blackburn, divenuto terza forza del campionato, con i suoi 40 punti: dal 30 settembre ad oggi, i Rovers sono stati capaci di battere ben sette avversarie, pareggiando in tre occasioni ed avendo la peggio solo contro l'Oldham; la squadra guidata da Tony Mowbray ha il secondo miglior attacco del campionato (37 gol realizzati), anche grazie all'apporto di giocatori non appartenenti al reparto offensivo, come il difensore Charlie Mulgrew ed il centrocampista Bradley Dack.

Bradford e Charlton mantengono un ruolino di marcia positivo: entrambe le squadre hanno conquistato 19 punti, pur con un rendimento differente: 6 vittorie, 1 pareggio e 5 sconfitte per i Bantams, mentre gli Addicks hanno incontrato il segno X più volte (4 pareggi, 5 vittorie, 2 sconfitte)

Caduta e risalita per lo Scunthorpe, che aveva raccolto un magro bottino tra fine settembre e metà ottobre (2 punti su 15 disponibili), scivolando così verso metà classifica, ma poi ha saputo risalire la china, con un filotto di vittorie (6 consecutive) ed un solo KO, rimediato nell'ultimo turno, contro il Walsall.

Attualmente, il Charlton occupa il sesto posto (foto: www.standard.co.uk)

                                             HIGHLIGHTS: Peterborough - Blackburn


Il Portsmouth è cresciuto molto, portandosi a ridosso della zona playoff, grazie ai 21 punti collezionati: tutto o niente per i Pompeys, che finora hanno pareggiato solo due partite di campionato (a fine agosto); il miglior marcatore della squadra è il veterano Brett Pitman

Anche l'Oxford United ha guadagnato terreno in classifica, facendo bottino pieno in cinque occasioni, ed ora il sesto posto dista solamente cinque punti.

Un punto più sotto, al nono posto, troviamo il Rotherham: i Millers sembravano in grado di irrompere in zona playoff, ma un periodo di crisi - solo due punti in sette partite - ha condizionato i biancorossi; a livello realizzativo, il protagonista assoluto è Kieffer Moore, autore di 13 reti.

Il Peterborough ha vissuto un periodo difficile come lo Scunthorpe, ma a differenza degli Irons, non è riuscito a rimettersi in carreggiata: i Posh hanno vinto solo due partite e sono stati battuti ben sette volte, perdendo così ben otto posizioni (dal 2° al 10° posto),

Brett Pitman è il leader offensivo dei Pompeys, con 12 gol (foto: www.portsmouth.co.uk)

Si è allontanato dalla zona playoff anche il Blackpool, che ha raccolto solo un punto in più rispetto al Peterborough, aggiudicandosi solo due confronti, ed ora è 13°.

Tra Posh e Tangerines, ci sono Walsall e Southend (entrambe a quota 28 punti), mentre Fleetwood e Bristol Rovers seguono il Blackpool, puramente per una questione di differenza reti. La palma di squadra più impronosticabile della categoria va sicuramente al Southend, che ha ottenuto lo stesso numero di vittorie, pareggi e sconfitte; un altro dato curioso - per certi versi incredibile - riguarda i Pirates, che continuano a non avere mezze misure, come dimostra la totale assenza di pareggi.

Per quanto riguarda la zona bassa della classifica, spicca il rilancio dell'Oldham, che alla nona giornata era il fanalino di coda, mentre ora è sedicesimo: l'esonero di John Sheridan, sostituìto da Richie Wellens, ha dato una scossa alla squadra, che è rimasta imbattuta per un mese, e nelle successive sei partite ha perso solo due volte, collezionando un totale di 22 punti; buona parte del merito, comunque, va agli attaccanti Eoin Doyle e Craig Davies, che finora hanno messo a segno rispettivamente 12 ed 8 gol.

Eoin Doyle e compagni hanno ritrovato il sorriso (foto: www.oldhamathletic.co.uk)

La squadra che arranca maggiormente, invece, è il Bury, ultimo a quota 17 punti: curiosamente, le tre vittorie ottenute da fine settembre ad oggi sono arrivate contro squadre della parte alta della classifica, ovvero Oxford, Bradford e Shrewsbury, mentre in cinque scontri diretti, gli Shakers non hanno mai vinto.

MK Dons, Doncaster, Rochdale e Wimbledon rimangono pericolosamente vicine alla zona retrocessione, occupata - ancora - da Bury, Plymouth e Gillingham, mentre la new entry è il Northampton, che in dodici giornate ha raggranellato dodici punti, cioè solo cinque punti in più di quelli ottenuti fino alla nona giornata: anche le altre statistiche dicono molto, perchè i Cobblers hanno la seconda peggior difesa (37 gol incassati, 11 dei quali concessi in due partite) ed il secondo peggior attacco (16 gol realizzati, come i Gills). Il primato negativo sul fronte realizzativo, comunque, va ai Wombles, che hanno trovato la via della rete solo in 15 occasioni.

                                             HIGHLIGHTS: Plymouth - Northampton



CLASSIFICA

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->