domenica 25 settembre 2016

[NEWS] EFL: “No alla riforma dei campionati”

La English Football League respinge la proposta della Football Association sulla nuova riforma dei campionati.







La possibilità di due nuove divisioni a partire dalla stagione 2019-20, con una riduzione da 24 a 20 squadre in Championship, League One, League Two che avrebbe dovuto includere 100 club, è stata definitivamente scartata dai vertici della English Football League.

Dopo un incontro con i club delle tre divisioni, avvenuto giovedì 22 settembre, si è deciso di non accettare l'ingresso di dieci club dalla Conference, squadre B di Premier e due squadre scozzesi di fama mondiale come Celtic e Rangers di Glasgow. Il voto verrà approvato al termine dei campionati, nel mese di giugno 2017 e sarà necessario il sostegno di 65 club in EFL, il 90%.

E' stata presa in considerazione anche l'opinione della Football Supporters' Federation, un'organizzazione democratica che rappresenta i diritti dei fan di Inghilterra e Galles, il quale dopo una consultazione con tutti i livelli, ha dichiarato che la "stragrande maggioranza dei tifosi" sono contrari a questa riforma.

La FA riteneva che questa mossa avrebbe portato i seguenti benefici:

  • Assicurare che più partite vengano giocate durante il fine settimana e durante i giorni festivi;
  • Rimuovere la congestione di partite e scontri al vertice nei week end;
  • Fare in modo che i club della Football League guadagnino di più;
  • Mantenere le finali di play-off per l’ultimo weekend della stagione calcistica nazionale;
  • Introduzione della pausa invernale;
  • Suddivisione delle divisioni inferiori in base alla località geografica;
  • Modifica del numero di squadre per divisione;

Infine, su un punto ben preciso i club di EFL sono stati molto chiari: non accetteranno di interrompere le grandi tradizioni del calcio britannico come quelle del Boxing Day e New Year's Day, mentre la Premier League, se vorrà, potrà decidere ciò che riterrà più opportuno. 

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->