lunedì 18 gennaio 2016

[SCOZIA] Celtic ufficiale: preso Sviatchenko! Firma fino al 2020

In data odierna il Celtic ha definito l'acquisto di Sviatchenko a titolo definitivo dal Midtjylland.








Come recita un comunicato presente sul sito del Celtic: "Il Celtic è onorato di annunciare che Erik Sviatchenko ha firmato un contratto di quattro anni e mezzo, trasferendosi dal Midtjylland. 

L'altamente valutato calciatore danese, che è stato attratto da numerosi top club, ha scelto i campioni scozzesi in carica e diventa così l'ultima aggiunta alla squadra di Deila. Erik ha già ottenuto quattro presenze con la Danimarca e segnato un gol contro la Francia nel mese di ottobre dello scorso anno. E il difensore 24enne ha anche aiutato il Midtjylland a raggiungere i sedicesimi di finale di Europa League in questa stagione, occasione in cui avrebbe dovuto giocare contro il Manchester United il prossimo mese. Ma Erik ha optato per la firma col Celtic per aiutare la squadra a raggiungere l'obiettivo di vincere il treble in questa stagione".

Il manager dei Celts, Ronny Deila, è soddisfatto del nuovo colpo messo a segno dal club: "Siamo molto contenti. Stavamo osservando il giocatore da tanto tempo, non solo in questa finestra di mercato, ed è un giocatore abbastanza esperto per essere così giovane. È stato capitano della sua squadra ed ha vinto qualche cosa ed è un ragazzo che sa quello che fa. È professionale, che vuole sviluppare le proprie qualità e ottenere una miglioramento e la prima volta che l'ho visto ho pensato che sarebbe una buona aggiunta, quindi sono molto contento. Abbiamo una grande competizione e deve lottare per ottenere un posto, anche se ha bisogno di un po' di tempo per mettersi in forma siccome lui non ha giocato per un paio di mesi, ma nutriamo grandi speranze in lui. Sappiamo che darà qualche cosa in più alla squadra. Il reclutamento è molto importante per trovare i giocatori giusti e persone che sono abituate a giocare e hanno vinto qualcosa e sono stati importanti in una squadra.

Erik è un ragazzo che ha fatto tutto ciò. Ha giocato con regolarità, ogni settimana scendeva in campo come capitano della sua squadra, ha preso parte all'Europa League ed è un ragazzo esperto nonostante sia ancora giovane. Ha anche giocato per la sua nazionale quindi siamo molto entusiasti di avere concluso questo affare e guardo con positività al futuro. Molti si spaventano quando sentono nominare il termine 'mental coach', ma questo è qualcosa che è abbastanza normale in Scandinavia. Ci sono molti giocatori che fanno questo, che sta diventando sempre più popolare. Si tratta di riflettere sulla propria vita e su chi si è e come diventare i giocatori che si vuole essere. È importante e sono contento di sapere che Erik ha fatto questo per tanto tempo.

Non è che ha avuto un problema mentale, è che lui si vuole sviluppare e un sacco di leader e persone di grande successo nel mondo degli affari hanno persone intorno a loro che permettono loro di riflettere e avere qualcuno con cui parlare. Questa è una cosa positiva, ma il giocatore deve volerla. Un sacco di volte può essere spaventoso parlare di emozioni e di come ci si sente, ma quando lo fai ti si apre la testa e si sviluppa. Ora Erik tornerà in Danimarca, metterà le cose a posto e poi tornerà nel fine settimana per iniziare gli allenamenti con noi".

Erik Sviatchenko ha dichiarato di aver preferito il Celtic ad una folta concorrenza, mostrando subito la sua fame di vittorie: "È stato un lungo cammino, è stato difficile per me per cercare di ottenere un contratto in un paese straniero e quando il Celtic mi ha chiamato, ho sentito che questa è stata una decisione molto buona per me. È molto chiaro che il Celtic è un club vincente e ha vinto molti trofei. Hanno vinto il campionato negli ultimi quattro anni e io ho vinto in Danimarca e mi piacerebbe essere ricordato.

Voglio giocare per vincere, non solo per prendere parte a incontri. Ho avuto la sensazione di entrare in ogni partita per vincere e penso che sia sarà così anche con il Celtic. Su di me c'erano squadre dalla Serie A, dalla Ligue 1 e dalla Championship, ma niente può essere messo a confronto con un club grandioso come il Celtic e sono molto entusiasta. Vedo tutto molto buono. Ho giocato in Danimarca e ora gioco in Scozia e sono contento di aver firmato un contratto a lungo termine. Per me si tratta di avere un approccio regolare. Qualcuno mi ha chiesto se fosse stato difficile lasciare prima delle partite di Europa League, ma ho 24 anni e devo avere una carriera che vada al di là di due partite contro il Manchester United. Penso che li potrò affrontare in Champions League.

Posso vedere il Celtic passare alla competizione che gli compete, la Champions League. La storia è grande e hanno già vinto quel trofeo in precedenza. Non dico che dovremo ripetere quell'impresa ma spero di parteciparci ogni anno. Prima di tutto dobbiamo vincere il campionato e forse possiamo vincere di nuovo i tre tornei nazionali".

di Lorenzo Della Savia

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->