venerdì 2 ottobre 2015

[UEFA Europa League 2015/16] Celtic-Fenerbahce 2-2

Il Celtic spreca il doppio vantaggio e pareggia in casa contro il Fenerbahce. Merito di Fernandao. Mantiene il secondo posto nel Gruppo A alle spalle del Molde, il prossimo avversario della terza giornata. I norvegesi giocheranno in casa.

L'esultanza di Griffiths per la rete del vantaggio.
(foto www.facebook.com/CelticFC)

Il Celtic, che in Europa League è reduce dal buon pareggio per 2-2 contro l'Ajax, vuole rimanere in corsa per strappare la qualificazione ai Sedicesimi di Finale. 

L'avversario che arriva però al Celtic Park è tosto. Dalla Turchia arriva il Fenerbahce, che vuole riscattarsi dalla pesante sconfitta per 1-3 rimediata contro il Molde nella prima giornata della Fase a Gironi.

Ronny Deila manda in campo i suoi con un 4-2-3-1 con Gordon in porta, linea difensiva a quattro con Tierney, Ambrose, Boyata e Lustig; davanti a loro scendono in campo Bitton e Brown. La punta unica è Griffiths, che gode del supporto, dietro di sé, di Forrest, Johansen e Commons.

Il Fenerbahce, guidato da Vitor Pereira, risponde con un 4-3-3 con Fabiano in porta, linea difensiva con quattro elementi: Alves e Kjaer i due centrali, a sinistra Ali Kaldirim e a destra Ozbayrakli. In mezzo al campo si posiziona Topal e verrà affiancato da Meireles e da Tufan. Il tridente d'attacco è rappresentato da Nani-van Persie-Volkan Sen.

Il primo tempo, nel suo menu, prevede un netto predominio del Celtic, che mette in seria difficoltà il Fenerbahce e il ciò manda in affanno Meireles che viene ammonito  al 19'. Anche i successivi dieci minuti sono stati contrassegnati da diverse occasioni capitate tra i piedi principalmente di Griffiths, Johansen e Lustig. Non a caso, al termine di quei minuti, il Celtic trova il gol dell'1-0 grazie a Griffiths  al 28'. Gli scozzesi continuano a macinare gioco e ottengono un'altra buona occasione per il raddoppio, sprecata da Lustig, ma poco importa perché pochi minuti dopo Commons porta il tabellino sul 2-0 al 32'.
Al 40' minuto, però, ecco la svolta! Tra le fila del Fenerbahce esce Volkan Sen ed entra Fernandao. Si tratta di una grande intuizione da parte del tecnico Vitor Pereira, poiché dopo pochissimo tempo proprio Fernandao al 43' riapre i giochi portando il parziale sul 2-1, sfruttando anche uno svarione di Ambrose. Si va a riposo su risultato di 2-1.


La coreografia dei tifosi del Celtic a inizio partita. 
                                             (foto www.facebook.com/CelticFC)

Il secondo tempo è solamente la continuazione, da parte di Fernandao, di quanto fatto nel primo tempo. Grazie a lui, infatti, il Fenerbahce trova anche il gol del 2-2 al 48'. 
Nei minuti successivi il Fenerbahce continua a spingere, cercando di realizzare un'incredibile rimonta. Al 57' Johansen viene ammonito, e tutti i minuti sono un dominio dei turchi, con importanti occasioni da van Persie, Nani e Diego. Al 64' c'è un altro ammonito nelle fila del Celtic: si tratta di Forrest. Tierney, Brown e Forrest trovano poi interessanti occasioni non adeguatamente sfruttate. Per molti minuti, comunque, il Celtic tiene palla e fa buone occasioni con i frambolieri sopra citati, ma il problema degli scozzesi è ancora una volta quello di non concretizzare le occasioni. La girandola di cambi negli ultimi minuti serve solo ad aggiornare il tabellino. 

Finisce 2-2, col Celtic che ancora esprime un buon football ma che ancora non riesce a far arrivare i risultati sperati.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

Nel post partita, Vitor Pereira rilascia queste dichiarazioni ai giornalisti: "Con Fernandao e Diego abbiamo giocato meglio, ho pensato che avremmo tenuto maggiormente la sfera con questi cambiamenti. Dovevamo fare qualcosa, perché nel primo tempo le cose non sono andate bene. Dopo il match ha preso un andamento diverso, e avremmo potuto anche vincere 3-2. Non era facile per noi vincere, ma il risultato è comunque positivo, anche se naturalmente vorremmo conquistare ogni partita. Voglio ringraziare i nostri meravigliosi tifosi."

Ecco invece le opinioni di un obiettivo Deila"Siamo entrati in campo un po' nervosi, ma dopo le cose sono migliorate. Abbiamo controllato bene il Fener, purtroppo abbiamo commesso un errore stupido. Nel calcio, però, possono succedere queste cose. Il secondo tempo poi non è iniziato al meglio, anzi, anche se poi abbiamo concluso in crescendo. Sarebbe stato ottimo andare negli spogliatoi al termine dei primi 45' con il doppio vantaggio."

di Lorenzo Savia


EUROPA LEAGUE 2015/2016 - 1 ottobre 2015 - Celtic Park - (Glasgow, Scozia)

Celtic-Fenerbahce 2-2

Celtic (4-2-3-1): 1 Craig Gordon; 63 Kieran Tierney, 4 Efe Ambrose, 20 Dedryck Boyata, 23 Mikael Lustig; 6 Nir Bitton, 8 Scott Brown; 49 James Forrest, 25 Stefan Johansen, 15 Kristian Commons; 9 Leigh Griffiths

In panchina: 26 Logan Bailly, 7 Nadir Ciftci, 14 Stuart Armstrong, 16 Gary Mackay-Steven, 42 Callum McGregor, 18 Tomas Rogic, 2 Tyler Blackett

Sostituzioni: 2 Blackett per Tierney 82, 18 Rogic per Johansen 82, 14 Armstrong per Forrest 90

Allenatore: Ronny Deila

Ammonizioni: Johansen 57', Forrest 64', Boyata 74'

Espulsioni: nessuna

Fenerbahce (4-3-3): 40 Fabiano; 3 Hassan Ali Kaldirim, 22 Bruno Alves, 4 Simon Kjaer, 19 Sener Ozbayrakli; 14 Raul Meireles, 5 Mehmet Topal, 8 Ozan Tufan; 17 Nani, 11 Robin van Persie, 20 Volkan Sen

In panchina: 10 Diego, 26 Alper Potuk, 1 Volkan Demirel, 88 Caner Erkin, 53 Abdoulaye Ba, 9 Fernandao, 15 Uygar Mert Zeybek

Sostituzioni: 9 Fernandao per Volkan Sen 40, 10 Diego per Ozan Tufan 45, 63 Abdoulaye Ba per Raul Meireles 79

Allenatore: Vitor Pereira

Ammonizioni: Meireles 19', Alvez 67', Kjaer 90'

Espulsioni: nessuna

Reti: 28' Griffiths (C), 32' Commons (C), 43' Fernandao (F), 48' Fernandao (F)


Arbitro: Kenn Hansen (Danimarca)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->