mercoledì 15 maggio 2013

[SPECIALE] Viaggio tra gli stadi di Londra che vorrei visitare (e come raggiungerli).

L'arco di Wembley.

In questo suo primo speciale, Martina Toma che, come sapete, da questa estate si occuperà di tutto ciò che riguarda il calcio dell'Irlanda del Nord, ci racconta quali sono gli stadi di Londra che le piacerebbe visitare. Una breve guida che vi suggerirà anche il modo in cui raggiungerli. Quindi, se avete in programma un viaggio a Londra, vi consiglio di leggere con attenzione questo speciale!






Una cosa da fare almeno una volta se si va a Londra in vacanza è la visita agli stadi del Football. Ce ne sono di vecchi e di nuovi, ma sono tutti molto belli (architettonicamente parlando).
Per visitarli ci vuole almeno una giornata intera, se non di più, tenendo sempre conto della grandezza di Londra e del tempo che si impiega anche per fare solo tre fermate di metropolitana.
Questa è la lista degli stadi che vorrei andare a vedere e di cui spero poter fare un report più dettagliato prendendo informazioni..dal vivo!

  1. Arsenal Football Club.
Highbury negli anni '20.

Dal 2006 l’Arsenal gioca all’Ashburton Grove, meglio conosciuto col nome sponsoriale di Emirates Stadium. Lo stadio è sito a Nord di Londra (fermata della metro Arsenal sulla Piccadilly Line).
Dopo il disastro di Hillsborough del 1989 Lord Taylor of Gosforth presentò al Parlamento inglese una proposta di legge che permettesse di rendere gli stadi del Paese più sicuri. Un anno dopo il Taylor report entrò in vigore. Gli stadi dovevano essere “ridotti” del 15% e le terraces rimpiazzate da posti a sedere. Lo stadio di Highbury passò dal poter contenere 57000 persone a 40000 in dieci anni. Inoltre la dirigenza fu contestata dai tifosi per l’elevato prezzo dei nuovi posti a sedere.
Con l’aumento dei prezzi e i debiti societari, l’Arsenal cominciò a pensare di “cambiare casa” attorno al 1997.
Il primo progetto, subito accantonato a causa del dissapore dei tifosi, fu quello di ricostruire Highbury. Il secondo prevedeva lo spostamento a Wembley ma quest’ultimo fu comprato, tramite bando comunale dalla Football Assosiacion nel 1998. Ivi però l’Arsenal giocò le partite di Champions League tra il 1998 e il 2000. L’idea di Ashburton Grove venne fuori nel 1999, ma era di propietà (80%) di Sainsbury’s e Islington London Borough Council, Railtrack. Il progetto finale fu consegnato al comune nel 2000 e prevedeva la costruzione di uno stadio che contenesse 60000 persone. Lo spostamento era, ancora una volta, preso di mira dall’Arsenal Indipendent Supporters’ Assosiacion, nonostante l’aumento die possibili posti di lavoro e il risanamento del quartiere stesso.
Lo stadio è stato inaugurato nel 2006.

  1. Charlton Athletic Football Club.

   Il The Valley ora.

Il Charlton è la squadra londinese sita a sud-est della città, più precisamente nel London Borough of Greenwich e attualmente milita in Championship. Dal 1985, dopo l’abbandono del The Valley, giocano nello stadio del Crystal Palace, il Shelhurst Park.
Shelhurst Park ai giorni nostri.

Nel 1991 furono ospitati dal West Ham ad Upton Park, il tutto per motivi puramente economici..la società era in fallimento anche a causa degli scarsi risultati sul campo.nel 1992 la squadra torna al The Valley, dove potrà disputare nuovamente le gare casalinghe davanti a 27111 spettatori. Il Valley fu costruito con l’aiuto dei tifosi nel 1911 (il Club vide la luce nel 1905). Come riportato dal sito della BBC, il The Valley per lungo tempo fu uno degli stadi più grandi del Paese..arrivò ad ospitare per una partita di Fa Cup disputatasi nel 1938 ben 75031 persone.
Per arrivarci bisogna prendere il treno, fermate Charing cross – Waterloo East – London Bridge, dato che dista 13 km dalla città..la metro non ci arriva.


  1. Chelsea Football Club.


Stamford Bridge negli Anni Settanta.

Portabandiera della zona ovest del capoluogo britannico, il Chelsea gioca a Stamford Bridge, situato nel quartiere di Fulham. È conosciuto anche come Walham Green e può ospitare fino a 41837 persone. Fondato nel 1877 fu la casa del London Athletics Club fino al 1905 quando Gus Mears fondò il Chelsea. Da lì non si spostarono mai..gli unici cambiamenti apportati furono quelli degli anni Novanta, in risultato all’adattamento del Taylor Report. Il nome deriva dall’adattamento linguistico del soprannome datogli dai tifosi, ovvero “the bridge at the sandy ford”, dovuto al fatto che proprio dietro lo stadio passava un fiumiciattolo affluente del Tamigi, lo Stamford Creek. Fu costruito vicino a uno stadio, il Lillie Bridge, adibito ai match della boxe. La sua capacità arriva alle 100000 persone. Inizialmente l’architetto costruttore, Archibald Leicht, pose il campo da gioco nel mezzo della pista per l’atletica, cosi da lasciare gli spettatori molto lontani dal campo di gioco.
Lo stadio viene ricordato in particolare per il match svoltosi tra il Chelsea e la Dynamo Mosca durante il Secondo Conflitto Mondiale, finita 3 a 3.
Durante la stagione 1984.1985, il presidente Bates, fece erigere delle barriere diplastica elettriche cosi da impedire ai tifosi di invadere il campo da gioco anche se non furono mai messe in funzione. Ovviamente anche il Bridge “subì” dei cambiamenti per il Taylor Report negli anni Novanta, trasformandolo in uno stadio “all-seated”..stavolta più vicini al campo di come lo erano all’inizio della storia del Club.
Per raggiungerlo la fermata è Fulham Brodway sulla District Line.

  1. Crystal Palace Football Club.


Il Palace è una squadra del sud di Londra, ospitata dal Shelhurst Park, capienza 26309 persone. Lo stadio è sito nel quartiere di Croydon, South Norwood. Nel 1922 lo stadio fu acquistato dalla Brighton Railway Company per 2570 sterline; costruito anch’esso dal precedentemente nominato architetto Leitch, fu inaugurato nel 1924 dal sindaco di Londra. Il terreno di gioco rimase intatto, ovvero con una sola gradinata (la Main Stand) fino al 1969, quando il Palace fu promosso in Division One per la prima volta. Venne costruita così una nuova gradinata dedicata al presidente della società Arthur Wait. La Kop venne suddivisa in tre parti, di cui la centrale divenne a posti a sedere dal 1981 per motivi di sicurezza. Lo stesso venne costruito per 2 milioni di sterline pagate alla società un negozio Sainsbury’s proprio dietro la gradinata, cosi da permettere alla società stessa un risanamento dei debiti incombenti. La Holmesdale venne demolita nel 1994 e ricostruita sottoforma di due anelli con capacità di 8500 spettatori.
Il Wimbledon Fc venne ospitato in questo stadio dal 1991 al 2003 anno in cui tornò al Milton Keynes.
Ecco le indicazioni per arrivarci con il treno e la metropolitana: London brige (Northern)+ treno fino a Selhurst station.

  1. Fulham Football Club.


Craven Cottage in una vecchia foto dove si possono notare le entrate per i vari stand.

Dal 1896 il Fulham gioca al Craven Cottage, ospitando 25700 persone (dopo il 2004, anno di rimodernamento).è situato vicino al Bishop’s Park, sulle rive del Tamigi. Fu costruito da William Craven nel 1780. In quel periodo era circondato dagli alberi facenti parte del terreno di caccia dei Anna Bolena. Vi vissero anche delle persone importanti tra cui lo scrittore Edward Bulwer-Lytton, finchè non fu distrutto nel 1888. Alcuni rappresentanti del Fulham tornarono in quel luogo nel 1894, anno di ricostruzione dello stadio. Consisteva di quattro strutture di legno contenenti 250 posti a sedere ognuna. Nel 1904 fu Leitch a salvare il Craven Cottage dalla demolizione poichè l’architetto propose un piano di messa in sicurezza dello stadio, costruendo poi un pavillon e la Stevenage Road Stand, caratteristica per i suoi mattoni rossi. Nell’Ottobre 2005 quest’ultima fu rinominata  Johnny Haynes Stand dopo la morte del giocatore inglese in un incidente d’auto.
Per arrivarci si deve prendere la District Line fino a Putney Bridge.

  1. Queen Park Rangers Football Club.


Loftus Road in un’attuale immagine suggestiva.

Inizialmente il Loft (Loftus Road) era lo stadio del Shepherd’s Bush FC, squadra del quartiere dove si trova lo stadio, finchè nel 1917 non vi si trasferì il QPR. Dal 1981 al 1988 il campo fu di erba sintetica. Il QPR precedentemente si allenava nel campo militare del Paese. È diviso nella Loft, Ellerslie Road Stand, South Africa Road Stand e dalla zona dei tifosi ospiti chiamata School End. Lo stadio viene usato anche per il rugby, la boxe e per alcune competizioni nazionali di calcio. Una curiosità, è lo stadio più piccolo della Premier League, può contenere infatti fino a 18439 persone.
Per raggiungerlo basta prendere la Hammersmith and City Line fino a Shepherd’s Bush.

  1. Tottenham Hotspur Football Club.

White Hart Lane vista dai tifosi del Sunderland in trasferta.

Squadra della zona nord di Londra, gioca a White Hart Lane..situato a Tottenham, giustappunto. Fu costruito nel 1899 e ha una capienza di 36240 persone. Conosciuto come The Lane, è usato anche per le partite della nazionale (Under 21 compresa). Inizialmente era una serra, ma fu riadattata a stadio dalla cate Charringtones con l’aiuto del custode della serra, Over. Negli Anni Dieci del Novecento fu ristrutturato, un’altra volta, da Leicth, il quale lo allargò fino a permettere una capienza di 50000 persone. Fu rinnovato anche negli Anni Ottanta, con un lavoro lungo più di quindici mesi.
Giungere lì è molto semplice basta prendere la Victoria Line fino a Seven Sister Station.

  1. West Ham United Football Club.

Il Boleyn nel 1936.

Il West Ham è la squadra dei lavoratori dell’East End londinese. Il Club gioca ad Upton Park, in particolare al Boleyn Ground. La società nel 1912 prese in affitto dalla Chiesa Romana Cattolica il terreno sulla Green Street dove si trovava una casa soprannominata Boleyn Castle per la propria forma e poiché alcuni pensano ci abbia vissuto Anna Bolena.
Nel 1944 durante la guerra una bomba distrusse parte del campo e la squadra fu costretta a giocare altrove. Nel 1970 fu costruita la Chicken Run di fronte all’East End. La capacità totale è di 35016 persone.
Nel 1993 la South Bank fu sostituita dalla Bobby Moore Stand; nel 1995 la North Bank fu sostituita dalla Sir Trevor Brooking Stand e nel 2001 la West End divenne la Dr Martens End..che ospita anche l’albergo della società.
Per arrivarci basta prendere la District Line fino ad Upton Park.

  1. Leyton Orient Football Club.

Il Brisbane Road, casa del Leyton Orient e dei suoi tifosi.

L’Orient gioca nel Brisbane Road Stadium, sito nell’East End di Londra. È la casa del Leyton dal 1937 e ha una capacità di 9271 persone anche se ce ne starebbero molte di più. Ospita inoltre la squadra inglese Under 16 e la FA femminile sempre di calcio.
Dal 1949, dopo la guerra, cambiarono molte cose dentro lo stadio, ad esempio la terra dovette essere rimessa a posto. Le Stand furono rimesse a posto nel 1952, 1959 e 1960. Nel 1978 la West End fu trasformata in una all seat zone. Lo stadio è composta da quattro stands:
la West Stand che accoglie solo i tifosi di casa; la East Stand, che accoglie 3636 persone ed è usata anche dai tifosi ospiti; la North Family Stand e la Tommy Johnston Stand.
Per raggiungere lo stadio si può prendere la Central fino a Leyton.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->