venerdì 20 luglio 2012

[COMPETIZIONI EUROPEE] Le squadre d'Oltremanica nell'andata del secondo turno preliminare.

Christy Fagan festeggiato dai suoi compagni dopo aver
siglato il momentaneo vantaggio del St. Patrick's contro il Siroki.

Torna l'apprezzata rubrica settimanale firmata Jacopo Ghirardon, con cui vi teniamo aggiornati sulle prestazioni delle squadre d'Oltremanica nell'andata del secondo turno preliminare di Europa League e Champions League.





Quarto appuntamento della nostra consueta rubrica sulle squadre Britanniche e Irlandesi impegnate nelle due competizioni Europee. Si sono appena concluse le partite di andata del secondo turno Preliminare di Champions ed Europa League ed il bilancio è tutt’altro che positivo: 3 i pareggi e 4 le sconfitte (tutte piuttosto pesanti), oggettivamente solo The New Saints in Champions e St.Patrick’s Athletic, in Europa League, possono reputarsi soddisfatti dei risultati ottenuti in questa giornata. A meno di clamorosi epiloghi, finirà la prossima settimana l’avventura delle squadre NordIrlandesi, uscite (soprattutto il Portadown) con le ossa rotte dopo la partita d’andata. Andiamo però ad analizzare singolarmente le partite delle squadre impegnate in questa settimana:

Champions League:

Irlanda: Dopo la splendida ed entusiasmante cavalcata della scorsa stagione, c’era molta curiosità nel vedere l’approccio alla stagione europea dello Shamrock Rovers, impegnato nella prima partita al Tallaght Stadium contro i Lituani dell’Ekranas. Molto è cambiato in casa Rovers, in primo luogo se n’è andato l’allenatore dei miracoli, Michael O’Neill, divenuto selezionatore della nazionale Nordirlandese. A lui è subentrato Stephen Kenny e il rendimento è stato finora piuttosto deludente: la squadra al momento è quarta in campionato, a dieci punti dallo Sligo capolista, e ormai pare aver abbandonato i sogni di gloria, almeno in patria. Tornando alla partita contro l’Ekranas, i Rovers non sono andati oltre uno 0-0 in casa, che permetterà comunque agli Hoops di passare il turno anche con un pareggio (a meno di uno 0-0 che porterebbe le squadre ai supplementari). Il risultato però non riflette l’ottima prestazione degli Hoops, che hanno dominato in lungo e in largo, senza trovare però la via della rete. Clamorosi, soprattutto, gli errori di Ronan Finn al 60’ e di Gary Twigg, il bomber della squadra, a 5’ dalla fine che avrebbero dato un risultato sicuramente migliore alla formazione del South Dublin. Ottima invece la prestazione in difesa: raramente infatti la formazione Lituana si è fatta vedere dalle parti del portiere Jansson. Insomma, servirà un po’ più di cattiveria sotto porta ai Rovers nella partita di ritorno che si giocherà la prossima settimana al Aukštaitijos Stadion di Panevezys, città in cui l’Ekranas gioca, per permettere il passaggio del turno che oggettivamente non pare impossibile.

Galles: La nota più positiva della due giorni di Champions League arriva però dai New Saints, che strappano un prestigioso pareggio per 0-0 contro i quotati svedesi dell’Helsingborg. Prestazione assolutamente convincente per la formazione di Oswestry, che per lunghi tratti della gara ha addirittura giocato meglio dell’avversario svedese. Clamoroso il palo colpito da Craig Jones dopo appena 25 secondi,: una rete che avrebbe dato probabilmente un altro corso alla partita. Sicuramente il migliore dei suoi l’ex Neath, che con le sue giocate ha messo a dura prova la difesa dell’Helsingborg. Ottima pure la difesa, che di fatto ha annullato il temuto talento islandese Finnbogasson, rimasto sempre fuori dal gioco della formazione in maglia rossoblu. L’unico squillo dell’HiF è stato un goal annullato proprio al giovane Islandese, per una netta carica al portiere Harrison, bravo in almeno 2-3 interventi che hanno dato molta sicurezza alla squadra bianco verde. Ritorno prossima settimana allo stadio Olympia, dove il TNS dovrà replicare la grande prestazione dell’andata per sperare in un clamoroso passaggio del tutto. E’ lecito, comunque, aspettarsi di più dagli Svedesi, che oggettivamente hanno deluso nella sfida di Park Hall.

Nord Irlanda: Nelle previsioni della vigilia, venivano accreditate poche chance al Linfield, contro gli avversari ciprioti dell’AEL Limassol, specie dopo il deludente doppio confronto contro i Faroesi del B36, risolto solo ai calci di rigore in favore dei Blues. Purtroppo le previsioni si sono avverate, e la squadra di Belfast è stata travolta per 3-0 dai Ciprioti, che sperano di replicare l'impresa della scorsa stagione dell’APOEL, arrivato sorprendentemente ai quarti della competizione. Partita dominata in lungo e in largo dall’AEL, che già al 16’ trova il goal del vantaggio con il guineiano Vohuo, che scarta il portiere Blayney e deposita la palla in fondo al sacco. Nove minuti dopo il raddoppio dei ciprioti con Ouon, che svetta di testa nell’area dei Blues e realizza il goal del raddoppio. Ad inizio ripresa arriva pure il 3-0 di Dickinson, che lascia pochissime speranze di ribaltare il risultato a Windsor Park. Peccato per l’occasione sciupata da Robert Garrett, a poco dalla fine, che avrebbe dato un importante goal in trasferta e avrebbe sicuramente aumentato le esigue chance di passaggio del turno. Un’impresa quasi impossibile, quella che spetta agli uomini di Jeffrey, la prossima settimana.

E’ stato inoltre effettuato il sorteggio per il terzo turno (che analizzeremo meglio la prossima settimana), in cui entreranno anche le Scozzesi Celtic e Motherwell. Per gli Hoops turno non impossibile contro l’HJK Helsinki, che ha battuto 7-0 nell’andata il KR, formazione Islandese.  Affascinante la sfida per il Motherwell, che affronterà i greci del Panathinaikos. Turno difficile pure per lo Shamrock Rovers, che se passerà troverà i belgi dell’Anderlecht. Possibile sulla carta, in caso di passaggio del turno, l’accoppiamento per il TNS, che affronterebbe i polacchi dello Slask o i montenegrini del Buducnost: nell’andata lo Slask ha vinto 2-0 in trasferta. In caso di miracolo, il Linfield avrebbe un’affascinante sfida contro il Partizan, che si è imposto all’andata 1-4 a Malta contro il Valletta.

Passiamo ora all’Europa League, e alle 4 squadre impegnate in questo turno:

Scozia: L’esordio della prima squadra Scozzese nella seconda competizione europee non era dei più facile, almeno sulla carta: il St.Johnstone infatti era impegnato nella scomoda trasferta di Eskisehir, squadra arrivata un po’ a sorpresa quinta nello scorso campionato turco. Steve Lomas, carismatico manager della squadra di Perth, aveva avvisato tutti, preannunciando la difficoltà della trasferta in Anatolia, ma aveva dato massima fiducia alla squadra per il passaggio del turno, che alla luce del risultato maturato, pare molto difficile. Vittoria meritata per 2-0 per la compagnie turca, anche se entrambi i goals sono stati propiziati da due deviazioni che hanno beffato l’ottimo portiere Alan Mannus. Al 40’ il tiro di Potuk, infatti viene deviato in maniera imparabile da un difensore della squadra in maglia azzurra, permettendo ai turchi il vantaggio. Sfortunato il secondo goal, un autogoal di Wright propiziato da un cross al centro dell’ex Rubin Kazan Karadeniz. Per il resto, prestazione tutto sommato positiva per i Saints, che pagano due goals sfortunati che rendono il ritorno a McDiarmid Park il prossimo giovedì una montagna difficile da scalare.

Irlanda: Gli unici due goals della settimana di coppa arrivano dalle due squadre dell’isola di Smeraldo impegnate in Europa League. Ottimo il pareggio strappato dal St.Patrick’s in Bosnia contro il Siroki, anche se il pareggio degli avversari al 93’ suona come una beffa atroce per i SuperSaints, che avevano controllato e dominato il match in lungo e in largo. Già al 12’ occasione d’oro per il St.Pats, Forrester infatti si procura un rigore che però viene fallito da Russell. Neanche il tempo di lamentarsi, che arriva il vantaggio per la squadra di Inchicore: contropiede finalizzato nel migliore dei modi da Christy Fagan, alla seconda marcatura in questa stagione in EL. Siroki che resta in 10 a fine primo tempo, per la doppia ammonizione piuttosto ingenua di Jurcevic. Il Pats nel secondo tempo controlla bene, rendendosi pericoloso con alcune pungenti ripartenze: clamoroso il palo colpito dal talentino Forrester a metà ripresa. Nel finale il Siroki aumenta il ritmo, e gli sforzi vengono ripagati nell’ultima azione del match, quando un cross alla disperata di Bajano, il migliore dei suoi, raggiunge perfettamente Lago che non può sbagliare: peccato per i Saints, che comunque giocheranno confidenti di essere probabilmente superiori e senza l’obbligo della vittoria a tutti i costi. Peggio invece l’altra squadra impegnata in questo turno, ossia lo Sligo Rovers, che cade 3-1 in Slovacchia contro lo Spartak Trnava: dopo un brillante inizio per la Bit o’Red, che va addirittura vicino al vantaggio, dalla mezz’ora in poi dieci minuti di blackout puniscono oltre modo gli uomini di Ian Baraclough, che subiscono 3 reti: una zuccata di Karkhan direttamente da calcio d’angolo da il vantaggio allo Spartak, che a ridosso della fine del tempo segna due goals in 100 secondi: Mikovic prima si gira molto bene in area e sorprende il portiere Rodgers, poi approfitta di un clamoroso errore difensivo nella ripartenza per realizzare il terzo goal. Lo Sligo nel secondo tempo reagisce piuttosto bene, e prima trova una traversa dell’Italo-Irlandese Cretaro,  quindi realizza con Gavin Peers al 68’ di testa il goal che da qualche speranza di qualificazione agli uomini del North-West.

Nord Irlanda: Forte di una qualificazione ottenuta in maniera piuttosto sofferta ma meritata contro lo Skhendija, il Portadown si presentava piuttosto ottimista a Koprivnika, contro lo Slaven Belupo. Purtroppo per i Ports, il risultato maturato nell’est della Croazia è umiliante, oltre che irrecuperabile: un 6-0 assolutamente senza storia, che punisce oltre modo i ragazzi di Ronnie McFall. Partita da incubo per la squadra della County Armagh, che già dopo 40 secondi si trova sotto con un autogoal sfortunato di Gary Breen. Una doppietta di Busic chiude il primo tempo sul 3-0, mentre un hattrick di Rak nel secondo tempo fissa il risultato sul 6-0. Risultato che non ammette repliche e che di fatto da zero speranze di qualificazione alla squadra Nordirlandese, che la settimana prossima a Shamrock Park cercherà perlomeno di ottenere un risultato positivo per uscire a testa dall’avventura europea.

Prossimo turno: Liverpool e Dundee United entreranno nel 3^ turno preliminare: sorteggio abbordabile per i Reds, che se la vedranno con i Bielorussi del Gomel o i macedoni del Renova: all’andata il Gomel si è imposto in trasferta per 0-2. Molto più difficile l’impegno per il Dundee United, che se la vedrà con la Dinamo Mosca. Affascinante doppia sfida per le squadre Irlandesi, se dovessero passare il turno: Steaua per lo Sligo e Hannover per il St.Patrick’s. In caso di rimonta del Saint Johnstone, ci sarebbe la sfida da urlo contro il Marsiglia, mentre il Portadown affronterebbe l’Athletic Bilbao, se dovesse recuperare 6 goal nella partita di ritorno. 

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->