lunedì 23 aprile 2012

[LEAGUE ONE 2011/2012] Commento 44a giornata

L'ultimo turno di campionato ha emesso un altro verdetto, ma stavolta si tratta di un traguardo tutt'altro che invidiabile: infatti è oramai matematica la retrocessione del Rochdale, che dice addio in anticipo alla League One dopo aver raccolto 38 punti (frutto di otto vittorie - record negativo - e quattordici pareggi) . Le flebili speranze dei tifosi del Dale infatti sono state infrante sabato dal Chesterfield, che dopo aver subìto il gol di Akpa-Akpro (73°), rimonta nel giro di cinque minuti grazie alle reti di Boden (81°) e Whitaker (86°). Questo risultato permette agli Spireites di sperare ancora nella salvezza, visto che il gap dal Walsall è ora di quattro punti. Saddlers che vengono battuti da un'altra squadra con l'acqua alla gola, ovvero l'Exeter: vantaggio degli ospiti firmato Nicholls (30°), pareggio di Nardiello (50°) ma Cuvelier (55°) riporta ancora avanti il Walsall; al 66° però Smith si fa espellere, ed i Grecians prendono il sopravvento con una doppietta di Gow (69° e 77°) ed una rete di Sercombe (88°). Questo successo tiene ancora in vita l'Exeter - ora a quota 41 punti - ma oramai la possibilità di evitare la caduta nel baratro della League Two sembra un miraggio.





Il Wycombe invece subisce una dolorosa sconfitta per mano del Charlton, che nel rispetto dei propri tifosi ma sopratutto della regolarità del campionato, non risparmia le forze: padroni di casa in vantaggio con Kermorgant (14°), pareggio del solito Beavon (45°), ma l'ultima parola spetta a Stephens (74°).La vera chance la spreca però il Leyton Orient, che ospitava un avversario decisamente meno forte degli Addicks, ovvero lo Yeovil: una doppietta di Lisbie (23° e 73°) sembra assicurare ai londinesi un prezioso successo, ma i Glovers rovinano la festa ai padroni di casa andando a segno con A.Williams (82°) e Obika (93°), lasciando agli avversari solo un misero punto.

 La rassegnazione nello sguardo di John Coleman, manager del Rochdale (foto:  http://www.bbc.co.uk)
 
Nel frattempo, continua anche la lotta senza esclusione di colpi per la conquista del secondo posto. Lo Sheffield Wednesday recupera terreno sui rivali cittadini, grazie alla vittoria casalinga ai danni del Carlisle: Owls avanti con Lines (26°), pareggio di Berrett (82°), ma ad un soffio dal fischio finale Antonio (95°) regala tre punti pesantissimi alla sua squadra. Weekend da dimenticare invece per le Blades, che non solo perdono punti sul campo del Milton Keynes - rete segnata da Smith (16°), con i Dons capaci di resistere agli attacchi avversari nonostante l'espulsione di Powell (67°) - ma devono anche affrontare un inatteso problema extracalcistico: il bomber Evans infatti dovrà scontare una pesante condanna penale per un reato risalente al 2011, che di riflesso penalizzerà anche il suo club.

Tornando all'analisi dei risultati...l'Huddesrsfield si prepara ai playoffs battendo di misura lo Scunthorpe (a segno Novak all' 89°). Il Notts County invece cade a sorpresa in casa, battuto dal Bury:  ospiti avanti con Worrall (42°), pareggio dei Magpies per un autogol di Coke (46°), Shakers ancora a segno con una doppietta di Grella (49° e 67°), ma Edwards (79°) accorcia nuovamente le distanze; infine, il Bury resta in dieci uomini per il rosso collezionato da Jones (82°), ma ci pensa Carrington a segnare al 93° il gol che chiude il match. Lo Stevenage coglie quindi la ghiotta occasione di sorpassare i Magpies, battendo una rivale di classifica, ovvero il Brentford: i padroni di casa si portano sul 2-0 grazie alel reti di Reid (52°) e Freeman (61°), ed il gol di Saunders (90°) non basta ad evitare la sconfitta, che comunque mantiene le Bees a -5 dal sesto posto.

Concludiamo l'analisi del turno con le ultime tre partite, che vedevano coinvolte squadre oramai senza obiettivi. Il match fra Bournemouth e Colchester si conclude sull'1-1: vantaggio Cherries con MacDonald all' 11° e pareggio degli ospiti con Eastman all' 84°. Risultati identici nelle partite  Oldham - Preston e Tranmere - Hartlepool: nel primo match, al vantaggio dei Latics firmato Simpson (69°) risponde Holroyd (79°); nel secondo, vanno avanti i Rovers con Welsh (40°), pareggia Sweeney (69°), ed il punteggio rimane invariato nonostante l'inferiorità numerica dei padroni di casa, causata dall'uscita di scena di Williams (72°).  





Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->