domenica 27 marzo 2011

[NAZIONALI] Galles-Inghilterra: 0-2. La voce dei protagonisti.

Gary Speed, attuale manager del Galles, premiato da
Sir Bobby Robson il giorno della 400esima partita
in Premier League. Speed si è ritirato nel 2010.

L'importante vittoria esterna contro il Galles ha permesso all'Inghilterra di Fabio Capello di consolidare il vantaggio sulle terza in classifica (Svizzera) nel gruppo G.
Il tecnico di Pieris ha evidenziato come il modulo di gioco adottato (4-3-3), sia stata la chiave di volta che ha permesso alla sua squadra di vincere la partita. "Abbiamo giocato molto bene, facendo circolare la palla molto velocemente senza permettere al Galles di creare occasioni da gol". "Questo modulo di gioco" - continua Capello - "è ottimo: abbiamo realizzato gol di ottima fattura ed in ogni momento della partita abbiamo mantenuto alta la concentrazione ed è questo l'aspetto più importante". "Vedendo le partite del Galles ho optato per due centrocampisti più Parker ed ho deciso di posizionare Young e Rooney in una diversa posizione, in modo tale che quando attaccavamo Rooney potesse accentrarsi e creare problemi al Galles". "Per noi è stato un modulo di gioco totalmente nuovo" ammette Young - "ma tutti sapevamo cosa stavamo facendo e i risultati si sono visti". Anche John Terry è soddisfatto: "Il nuovo sistema di gioco è stato molto positivo: il nostro scopo era quello di pressare alto per fermare le loro ripartenze".Poi continua: "Nel primo tempo abbiamo fatto benissimo, dopo abbiamo iniziato a sentire la stanchezza. Siamo primi e dobbiamo continuare a vincere".
Ramsey, invece, se la prende con le condizioni del campo: "Non è una scusa, ma le condizioni del terreno di gioco ci hanno condizionato molto. Siamo delusi per la nostra prestazione". Il tecnico del Galles, Gary Speed, si concentra sugli aspetti positivi: "Di positivo c'è sicuramente il modo in cui abbiamo giocato nel secondo tempo e dobbiamo cercare di mantenere questo spirito anche nelle prossime partite. Siamo stati penalizzati dal gol preso nei primi minuti: per na squadra giovane come la nostra è poi difficile reagire". Speed ha iniziato la sua carriera di allenatore del Galles con la sconfitta per 3-0 nella Nations Cup contro l'Irlanda di Trapattoni, ma per l'ex Newcastle quel passo falso non ha nulla a che vedere con la sconfitta contro l'Inghilterra: "Ci siamo allenati bene durante la settimana e abbiamo fatto ottime cose: l'Inghilterra è una grande squadra, tra le prime sei al mondo".

PROSSIME PARTITE:

4 giugno: Inghilterra - Svizzera
2 settembre: Galles - Montenegro; Inghilterra - Bulgaria
6 settembre: Inghilterra - Galles
7 ottobre: Montenegro - Inghilterra; Galles - Svizzera
11 ottobre: Bulgaria - Galles

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->