martedì 21 dicembre 2010

[PREMIER LEAGUE] Commento alla diciottesima giornata. La voce dei protagonisti.

Nella diciottesima giornata di Premier League, si sono giocate soltanto tre partite. Le pessime condizioni meteo hanno fatto si che la maggior parte dei matches in programma venisse rinviata. Ancora non sono state stabilite le date di recupero: visto il fitto calendario delle prossime settimane, non sarà semplice trovare spazio per i recuperi.
Il Manchester City, sconfitto 1-2 dall'Everton, manca la
grande occasione di raggiungere la vetta solitaria della
classifica.
Il Sunderland ha ottenuto una bella vittoria contro il Bolton che meritava almeno il pareggio. Bent protagonista (assist per il gol di Welbeck e occasione sprecata per chiudere la partita). Ora i Black cats sognano l'Europa League, ma dovranno mantenere questa continuità di gioco e risultati. Il West Ham ottiene un buon punto sul campo del Blackburn Rovers, grazie alla rete di Stanislas al 78', che permette alla squadra di Avram Grant di non affondare.
Nel Monday Night, clamorosa sconfitta del Manchester City che cede in casa ad un ottimo Everton autore di una prestazione più che discreta. La squadra di Moyes è riuscita a chiudere ogni spazio, correndo seri rischi soltanto in poche occasioni, siglando due reti con due tiri. Molto ridimensionato il City, con Balotelli autore di una prestazione molto deludente. Premio generosità a David Silva e al solito Tevez che ha risolto i problemi con la società, ha dimostrato grande profesionalità lottando su ogni pallone. Mancini: "E' stato importante risolvere la situazione con lui (Tevez,ndr), siamo felici ma è l'unica buona notizia della serata. Carlos è un fuoriclasse e il suo contributo al club da quando è fondamentale". Poi sul City: "Abbiamo avuto la grande opportunità di tornare primi in classifica dopo 81 anni, ma ora dobbiamo iniziare da capo. Questa stagione è molto lunga e dobbiamo capire che quando giochiamo non possiamo addormentarci. Nel secondo tempo abbiamo giocato bene e abbiamo provato a vincere: abbiamo avuto molte occasioni per segnare, ma questo è il calcio: siamo sati sfortunati, il loro portiere ha fatto dieci salvataggi e forse c'era anche un rigore per noi; ma se non segni non puoi farci niente." Comprensibilmente raggiante David Moyes: "Possiamo competere contro le grandi, ma non contro le piccole, specialmente in casa; quando affrontiamo le grandi diamo il meglio. I giocatori mi hanno reso orgoglioso della loro prestazione, specialmente nei primi 15-20 minuti. Il City a tratti ha giocato molto bene, ma noi abbiamo svolto una fase difensiva ottima e probabilmente contro il City abbiamo prodotto il minor numero di occasioni tra tutte le partite che abbiamo giocato in questa stagione e per certi aspetti sono insoddisfatto perchè non siamo riusciti a tenere il possesso della palla. Il secondo gol (quello di Baines, ndr) è stato un sogno: un'azione davvero ottima, poi il tiro di Baines è stato favoloso: dovrebbe fare questi movimenti più spesso". Poi sull'espulsione di Anichebe: "La prima ammonizione non c'era perchè è entrato sul pallone; non ho visto il fallo che ha portato alla seconda ammonizione; di certo ha reso tutto più difficile. Sullo 0-2 abbiamo giocato bene, ma contenerli è stato difficile e lo è stato ancora di più in 10 uomini".

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->