martedì 2 novembre 2010

PREMIER LEAGUE: Commento alla decima giornata.

Il Blackpool non giocava in Prima Divisione dal 1971.
Potete trovare questo ed altri stemmi collegandovi al
sito www.ukcalciostemmi.tk
Nonostante le grandi difficoltò, il Chelsea è risucito ad imporsi sul campo del Blackburn rimontando lo svantaggio inziale. L'unica disattenzione difensiva dei padroni di casa è costata cara ed Ivanovic (84') non si è lasciato sfuggire l'occasione. Song tiene ancora a galla l'Arsenal, che si presenta come vera rivale del Chelsea, mentre il Manchester, che deve vedersela con un'infermieria stracolma - alla lunga lista degli infortunati si è aggiunto anche Rio Ferdinand - regola il Tottenham, anche grazie all'abilità di nani, bravo a sfruttare una clamorosa (e ridicola) disattenzione dell'estremo difensore ospite Gomes. Buio pesto per il City, che incappa nella seconda sconfitta consecutiva, al Molineux, contro un Wolverhampton scatenatissimo e capace di vincere nonostante lo svantaggio iniziale. Importante vittoria dell'Everton, che risale notevolmente in classifica e del Liverpool che con una magia di Torres (assist di tacco), porta a casa tre punti fondamentali. Reti bianche nel derby tra Aston Villa e Birmingham, mentre arbritro protagonista nel Monday Night tra Blackpool e west Bromwich, terminato 2-1 per i padroni di casa. Due espulsi per gli ospiti ma nonostante la difficoltà e la sconfitta Di Matteo ha parole di elogio per i suoi "magnifici 9". Il Blackpool ha realizzato la prima vittoria casalinga in un match di prima divisione dal 1971. A fine gara, molto polemico il tecnico dei Baggies, Holloway: "Credo che debbano stare tutti zitti, noi siamo un'ottima squadra. Abbiamo fatto 13 punti per ora, mentre tutti dicevano che ne avremmo fatti solo 10".

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->