mercoledì 29 settembre 2010

EUROPA LEAGUE: Speciale sul Manchester City.

Il Manchester City è stato fondato nel 1880 con il
nome di St. Mark's. L'attuale stemma, adottato
nel 1997 e ricavato dal simbolo della Città,
rappresenta uno scudo davanti ad un'aquila dorata.
Le tre stelle sono puramente decorative. Il motto
latino è "Superbia In Proelia", Orgoglio in
battaglia.
Gli avversari sono avvisati.
Il Manchester City quest'anno deve assolutamente vincere. Lo sceicco Mansour non ha badato a spese comprando grandi giocatori e rivoluzionando la squadra dalla difesa all'attacco: Milner, David Silva, Kolarov...e la lista potrebbe continuare all'infinito. In campionato, dopo un inizio non brillante, la vittoria contro il Chelsea della scorsa settimana ha dato una grande iniezione di fiducia al 'citizens', che però hanno ancora molto da dimostrare. Certo, non è facile vincere subito quando hai una squadra nuova, fatta di grandi campioni individuali, ma ancora da amalgamare. Mancini è stato chiaro. E' il Chelsea la squadra che, alla fine, vincerà il titolo: "Il Chelsea è la migliore squadra in Premier League al momento e molto probabilmente vincerà. E' una squadra forte i cui giocatori giocano insieme da molti anni". Forse è proprio questo che manca al City: un gruppo. Nella partita col Chelsea non si è vista una "squadra" nel vero senso della parola: quando i "Blues" avevano la palla la differenza era netta; tutti sapevano cosa fare e dove stare. Su questo Mancini deve lavorare ancora molto. L'inattesa sconfitta contro il West Bromwich in Carling Cup, non ha preoccupato molto il tecnico di Jesi, anzi forse per certi aspetti lo ha anche "sollevato": "Non mi pento di aver fatto dei cambi. Ho molti problemi in questo periodo e non possiamo correre alcun rischio. Se avessi avuto più giocatori disponibili sarebbe stato diverso, ma sabato giochiamo contro il Chelsea e il tempo per recuperare è molto poco. Avrebbero avuto soltanto tre giorni, quindi giocare questa sera sarebbe stato dannoso per la condizione fisica della squadra. Sabato è più importante, la FA Cup è più importante, l'Europa League è più importante." Dunque la Carling Cup era un peso per il City. Con il Chelsea favorito per la vittoria, un trofeo tra Europa League ed FA Cup ed il 4° posto in campionato sembrano essere gli obiettivi minimi del City. Traorè, dopo la prima partita del turno di qualificazione vinta senza problemi per 2-0 a Salisburgo con reti di David Villa e Jo, ha detto che "La Juventus resta favorita".
Mancini non avrà a disposizione Balotelli, che dovrebbe tornare a fine Novembre causa operazione al ginocchio ed ha da poco chiarito la situazione con il portiere Shay Given. Dopo la vittoria per 2-0 sul Wigan ha dichiarato: "Gli ho spiegato la situazione (Joe Hart sarà sempre il portiere titolare, ndr) ed ha deciso di restare, a Gennaio può andare dove vuole".
Venendo alla partita di giovedì sera, il difensore Micah Richards potrebbe tornare disponibile dopo aver saltato la partita contro il Chelsea di sabato a causa di un problema al ginocchio anche se la coppia Company-Tourè è stata impeccabile. In dubbio la disponibilità di Shaun Writgh-Phillips, per problemi al ginocchio, mentre Bridge e Kolarov sono fuori. Inutile dire che osservato speciale dovrà essere Tevez: la sua velocità potrebbe essere letale.
Interessanti alcune dichiarazioni di Mancini: "Credo che il campionato inglese sia migliore di quello italiano. Devono riportare i grandi campioni che ora non ci sono". Sul suo passato da tifoso juventino e sulla possibilità di un futuro sulla panchina bianconera: "Perchè no, questo è il calcio. Non sono stato mai un nemico della Juventus. Sono stato un grande tifoso per anni quand'ero bambino e per questo ho un grande rispetto per il club e i giocatori. Sarà una partita speciale anche perchè è la prima volta che affronto la Juventus da allenatore di una squadra inglese. Ovviamente mi manca casa, come a tutti, ma qui sono felice. Qui è dove lavoro e vivo." Molto carico anche Patrick Viera che ha voglio di riscatto e, soprattutto, di giocare: "Voglio giocare più di una partita al mese, avrò la mia occasione perchè so che la stagione è molto lunga. Abbiamo battuto il Liverpool e il Chelsea che sono tra le grandi quattro (le 'big-four', ndr) e questo ha dimostrato quanto siamo forti. Ogni competizione è fondamentale ed è molto tempo che il City non vince qualcosa. Alzare un trofeo sarebbe importante per il club".

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento al post...

Condividi

-->